Surya Chandra
 
Surya Chandra nasce 53 anni fa in Svizzera. All'età di quattro anni si trasferisce in Italia con la famiglia di origine. Vive e cresce sulla costa Adriatica in Abruzzo. Il mare la nutre, l'acqua è il suo elemento essenziale, dal quale tutti noi proveniamo. Le esperienze e i processi si susseguono: nell'età adolescenziale Surya inizia a sentire la spinta interna di un percorso di crescita. Un 'lavoro' di introspezione e auto-consapevolezza, interessandosi a nozioni di psicologia e di pedagogia.
Consegue il diploma magistrale e inizia l'esperienza come educatrice dell'infanzia: ritiene che dentro ciascuno di noi vi sia un bambino che aspetta di essere ascoltato e compreso. Prosegue così la formazione attraverso un Master di differenziazione didattica con il Metodo Montessori, con il quale i bambini hanno l'opportunità di fare esperienze dirette in un ambiente strutturato, con un antico ricordo di magia, amorevolezza e presenza. Successivamente consegue un Master per insegnare yoga nelle varie fasi di crescita del fanciullo fino all'adolescenza, attraverso la condivisione e l'ascolto per una trasformazione profonda e invisibile che collega i cuori e coccola i corpi. Dal 1998 al 2010 si dedica con grande passione all'impegno sociale, lavorando attivamente con le donne immigrate, vittime di tratta e sfruttamento sessuale. Diventa coordinatrice di accoglienza dell'Associazione "On the Road" e opera nelle regioni del centro Italia per Progetti Ministeriali, mirati a promuovere percorsi di integrazione sociale, con il coinvolgimento di realtà nazionali ed internazionali, strutturando un lavoro di rete. Negli anni Novanta intraprende il percorso personale di yoga, dopo aver letto e assimilato libri dei più grandi maestri indiani e ricevuto segnali ed intuizioni nuove. Nel 2004 inizia ad insegnare posture e tecniche di Hatha Yoga in Abruzzo e Marche. Nel 2010 avviene il grande incontro: Surya Chandra partecipa ad un ritiro di Yoga Shaking Meditation a Roma. Ecco l'occasione della realizzazione del sogno di una vita: incontrare il vero Maestro, Ratu Bagus. Pochi mesi dopo Surya parte per Bali, dove egli vive, trascorrendo quaranta giorni nel suo Ashram. Esperienza forte e intensa, nella quale Surya ha perso tutto quello che portava con sé: vecchi paradigmi, maschere, vergogna, sensi di colpa, regole, aspettative, speranze, certezze. E nel perdere tutto, ha perso anche la paura della morte e la paura della vita. Priva della vecchia pelle, ha trovato un cuore che vibra in ogni cellula del suo essere, come un tamburo fatto di argilla, stelle e radici.
Fu allora che comprese di essere viva, libera, coraggiosamente libera. Si trasferisce a Roma e insegna yoga nelle palestre e in svariati centri della città, tra cui il Centro Tibetano Samanthabhadra. Proseguendo il percorso personale yoga, Surya si reca ogni anno a Bali dal suo Maestro. Da tre anni vive a Manchester e lavora nel sociale, nel supporto di adulti vulnerabili. Ritiene che il senso della vita sia di trovare il proprio dono e lo scopo è proprio quello di condividerlo, di regalarlo.
 
 
Giusy Cinquanta
Giusy vive a lavora a Milano.
 
Responsabile Commerciale di una multinazionale per la formazione linguistica e, da oltre 20 anni, si occupa di progetti formativi in Italia e all'estero per scuole e aziende.
 
La sua passione per la crescita personale, la convinzione che ogni essere umano sia dotato delle risorse necessarie per raggiungere i propri obiettivi ed evolversi, la portano a intraprendere diversi percorsi di crescita e diventare Life Coach & Trainer. 
 
Ama costruire relazioni umane e progetti di spessore che possano contribuire al bene della comunità, e anche per questo sostiene le iniziative GART. 
 
Program Manager di "Tutta un'altra Vita a Scuola", un ambizioso progetto che intende promuovere i temi della crescita personale nelle Scuole, affinché i giovani possano apprendere fin da piccoli gli strumenti per navigare al meglio nella vita.    
 

 

Renée Fabiocchi

Pittrice e filosofa italiana. Appassionata di metafisica e neurolinguismo, ha un percorso artistico che somiglia al viaggio di Orfeo. Le sue opere d’arte, vere e proprie “visualizzazioni dell’anima,” e le sue teorie sull’educazione alla pace e all’e.qui.li.b.r.io nascono dalla sua esperienza di cittadina del mondo.

In questo vagabondare fisico e intellettuale, lei stessa si sente, come la sua opera, una “Proserpina tra Italia e Germania”. La sua è una vocazione artistica precoce che la porta a dipingere, già a tre anni, angeli colorati per rianimare sua madre dalle urla di morte e disperazione, del suo povero padre, reduce di guerra.

Rosella (vero nome di Renée) lascia l’Italia dopo una laurea sulla pittura e la poesia di D.G.Rossetti. Premiata ricercatrice universitaria ha studiato e parla cinque lingue. Il suo fine è sempre stato quello di ideare nuove leggi universali di armonia e guarigione partendo dalla sua pittura, de lei chiamata “lingua del cuore”.

A Monaco, quello che fu il cuore pulsante del secondo conflitto mondiale, Renée Fabbiocchi ha fondato proprio di fronte all’abitazione di Hitler (non per caso il suo primo indirizzo) un piccolo “Museo dell’anima e Banca dei valori spirituali” per realizzare il suo sogno di bambina e ridipingere sulle urla di guerra i colori di pace. Purtroppo questa sede attiva dal 1998 al 2006, è ora virtuale www.fabbiocchi.com Alla ricerca dei percorsi e ricostruzione dell’anima si aggiungono due suoi saggi premiati ma ancora inediti: “Stellina – Genesi dell’Anima e teoria del S(u)on-Colo.re” e “Gli stati dell’Anima”. Lotta contro le violenze, le ingiustizie e le discriminazioni ed espone in tutto il mondo da New York a Tokyo, dalla sede dell’Onu agli Istituti di Cultura italiana.

Manuela Scannavini

Classe 1970, vive e lavora a Roma. Dopo la laurea in Sociologia frequenta un corso di PNL e Web Design presso la Scuola Internazionale di Comics.

Nel 2007 comincia il suo percorso artistico frequentando corsi di artigianato e pittura. Con Chiara Cammarata, decoratrice si avvicina al mondo della decorazione dei finti marmi, Luisa Galeotti per la pittura e il disegno, con Elena Binni, stilista e modellista apprende la tecnica di stampa su carta e stoffa.

Presso l’Atelier "Insigna" si avvicina alla litografia su supporto sintetico, grazie all’insegnamento di Maria Pina e Gianna Bentivenga; in ultimo, un workshop con Eleonora Cumer grazie alla quale arriva a costruire il suo primo libro d’artista.

La sua è una ricerca continua, ama sperimentare diversi materiali per questo si definisce un'artista eclettica. In questi anni ha la fortuna d'incontrare artisti che la incoraggiano nel suo percorso formativo ed artistico. Fa parte dell'Associazione "Soqquadro" di Marina Zatta ed "Artinarte" di Paolo Viterbini e Walter Necci.

È artista riconosciuta Aiapi – Associazione Internazionale delle Arti Plastiche Italia (Comitato Italiano dell’IAA/AIAP partner ufficiale dell’Unesco). Dal 2007 le prime esposizioni; nel 2013 incontra il Gallerista Alfredo Massarone della Galleria "Officina dell'Arte" di Roma che la vuole in una collettiva per il Piccolo Formato, ancora oggi continuano la collaborazione e una stima reciproca; nel 2017 sarà presente in una collettiva: "Inter-azioni giocose" al Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari di Roma; curatrice Marina Zatta in collaborazione con l'Associazione Museum progetto abbinato alla Biennale Arteinsieme - cultura e culture senza barriere, promossa dal Museo Tattile Statale Omero - TACTUS Centro per le Arti Contemporanee, la Multisensorialità e l'Interculturalità; in "Generazioni a Confronto" II edizione c/o l’Antica stamperia della Biblioteca Monumentale di Grottaferrata, con l'associazione "Artinarte" e Tiziana Todi della Galleria "Vittoria" di Roma a cura del Prof. Giorgio Di Genova; ed in ultimo "PRESENT & FUTURE - Just across the street" al MACRO Testaccio, Spazio Factory La Pelanda con l'Associazione "Terre Incognite" a cura di Marta Michelacci, con il Patrocinio dell'Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Roma. Evento promosso da AMACI in occasione della 13a Giornata del Contemporaneo.

Di lei hanno scritto Paolo Levi, Angelo Nardi, Giorgio Di Genova. I lavori di Manuela Scannavini sono il frutto di diversi anni di sperimentazioni sul plexiglas, legno, carta. Creatrice anche di gioielli artistici, parteciperà dal 10 febbraio 2018 - 25 aprile 2018 ad una mostra  promossa e realizzata dalla Fondazione Carigo, da Confartigianato Gorizia e dalla Camera di Commercio della Venezia Giulia - Azienda Speciale Zona Franca Gorizia, curatrice Francesca Canapa di "Gioiellodentro". 

Le pitture che presenta per "Livingdecò" sono state realizzate originariamente su legno e carta con tecnica mista. Oggi sta preparando una grande installazione fiber-art per un'importante collettiva a cura della Dottoressa Laura Turco Liveri per l'associazione "Artinarte" al Complesso Ex Cartiera Latina di Roma.

 

Rosana Antonelli

Nata in Argentina, si diploma all’Istituto d’Arte di Roma nell’Arte della Ceramica e frequenta l’Istituto d’Arte di Faenza.

Nel 1984 apre lo studio “Artemisia” in Roma, partecipando a numerose esposizioni d’arte e d’artigianato in Italia e all’estero, collabora con vari studi d’arte e ad un progetto di cooperazione in Giordania.

Insegna bucchero, terra sigillata, Raku, naked e sali metallici. Nel 2009 riconosciuta nell’organizzazione francese “Art e Metiers” è invitata ad esporre al salone internazionale di Parigi “Maison&Objet “.

Nel 2010 è a Cipro alla Cyprus Pottery Association come docente per la tecnica della terra sigillata italiana. Fonda l’Associazione Culturale "Keramos" a Roma, dove espone permanentemente e svolge attività culturali e d’insegnamento.

Fa parte del gruppo fondatore del Progetto CiE - Ceramica in Espansione.

Nel 2012 è fra i sei finalisti del Concorso Contest-Idea q.b. - 2° premio per le opere Khamsin nel concorso Coffebreak 2015 del Museo Giannetti di Saronno. Selezionata al concorso Convivium di Appignano. Secondo premio Rassegna Internazionale di Ceramica in Albissola Marina 2016.

www.keramosart.it ceramicainespansione.wordpress.com This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Keramos: corsi di ceramica per tutti i livelli - masterclass - workshop - eventi culturali ed esposizioni. Si trova a Roma nel centrale quartiere Testaccio e ha come obiettivo quello di diffondere la cultura dell’arte della ceramica. Dispone di una sala espositiva dedicata alle mostre temporanee e di uno spazio attrezzato a laboratorio. Promuove attraverso il progetto Ceramica in Espansione - CiE una rete di incontro tra le varie realtà ceramiche presenti sul territorio per incentivare lo scambio di idee e progetti.

 

PER I WORKSCHOP di TERRA SIGILLATA - RAKU e NAKED - COLLAGE CERAMICO - SAGGAR con SALI METALLICI visita il sito  https://www.rosanantonelli-ceramics.com
 
 
 
Foodie FreshMarket
 
La storia di Foodie FreshMarket inizia molti anni fa quando il nonno di Francesco Forte portava avanti un'idea per quel tempo innovativa: coltivare e vendere direttamente i propri prodotti, coltivati con metodi sani e naturali cosi da imprimere in ogni prodotto tutto il bene della terra e di chi li coltiva.
 
Su questo concetto si basa l’idea di FOODIE FRESHMARKET, un luogo dove poter acquistare, provare, mangiare quanto di meglio la nostra terra può offrirci. Troverete dal prodotto fresco colto in giornata allo stesso prodotto frullato, centrifugato, spremuto o servito all’istante, lasciando alla libera fantasia del cliente la possibilità di mixare una vasta gamma di prodotti che solo una frutteria può offrire.
 
I nostri prodotti provenienti per lo più dalle campagne laziali e abruzzesi rispettano metodi di produzione biologica al fine di mantenere inalterate le qualità nutritive e organolettiche degli alimenti.
 
Un antico lavoro rivisitato in chiave moderna dove la persona è al centro dell’attività e contribuisce alla crescita.
Pin It

Comments powered by CComment